Controllo dell’umidità nei magazzini di imballaggio

Come tutti sappiamo, uno dei problemi principali per gli imballatori è la corrosione delle lattine.

La corrosione dell’acciaio è un fenomeno ben noto, ma nell’imballaggio è preoccupante perché, nel migliore dei casi, porta al rifiuto commerciale da parte di distributori e consumatori.

Anuncios

Sappiamo che è praticamente impossibile per un contenitore in acciaio con vernice esterna, che deve essere protetto dalle aggressioni esterne, mantenere intatto il film di vernice dopo la manipolazione e la lavorazione dei contenitori, a causa del fatto che subiscono attrito e urti tra di loro durante le diverse operazioni di fabbricazione e lavorazione.

Se i contenitori sono trattati correttamente, non dovrebbe apparire nessuna corrosione esterna nonostante queste inevitabili aggressioni esterne, ma in molti casi, le corrosioni appaiono e bisogna sapere come evitarle nei diversi punti in cui possono apparire.

Si verificano più comunemente nei magazzini di prodotti finiti, e il controllo dell’umidità ambientale in questi magazzini è uno dei principali fattori da controllare per evitare la corrosione.

L’aria ambiente contiene sempre vapore acqueo. Sotto l’influenza di elementi climatici, e la loro variazione, questo vapore acqueo provoca vari fenomeni come:

  • Corrosione elettrochimica, ruggine, inibitori di corrosione
  • Idrolisi di alcuni prodotti.
  • incidenti elettrici (cortocircuiti, cattivi contatti, ecc.)

All’interno degli imballaggi e dei magazzini, la condensa è dovuta essenzialmente agli abbassamenti di temperatura, che provocano una depressione dell’atmosfera interna, favorendo l’entrata di aria umida dall’esterno.

Le cause degli aumenti e delle diminuzioni di temperatura sono diverse e possono essere causate da: Variazioni giorno-notte o stagionali. variazioni climatiche (ad esempio durante il trasporto) o variazioni dovute alla vicinanza di apparecchiature intermittenti che generano calore (ad esempio accensione e spegnimento di motori, condizionatori, ecc.) o all’umidità (ad esempio immissioni di vapore umido dagli impianti di produzione, ecc,)

L’esperienza ha dimostrato che fenomeni dannosi si verificano quando l’umidità relativa interna supera il 30% di umidità a 18°C di temperatura. È quindi essenziale mantenere l’umidità sotto controllo o almeno fornire i mezzi necessari per prevenire la formazione di fenomeni come quelli menzionati sopra.

Per fissare l’umidità, si usa un agente disidratante capace di assorbirla e trattenerla. Il disidratatore non deve essere nocivo e non deve deteriorare il materiale o il prodotto che è destinato a proteggere. Per un uso pratico, il disidratatore è confezionato in sacchetti di carta o tessuto permeabile.

GRADO IGROMETRICO. –

Il grado igrometrico, o umidità relativa, dell’aria è definito dal rapporto tra la quantità di vapore acqueo nell’aria ad una data temperatura e la quantità massima che satura l’aria alla stessa temperatura. Di solito è espresso in percentuale.

Per esempio: a 25°C, l’aria satura (100 % di umidità relativa) contiene 23 g di acqua per m3. Alla stessa temperatura e con un’umidità relativa del 50%, un m3 d’aria contiene solo 11,5 g (logicamente la metà).

Anuncios

Si chiama punto di rugiada, la temperatura “Tr” alla quale l’aria deve essere raffreddata per vedere apparire la prima goccia d’acqua condensata.

L’umidità relativa dell’aria alla temperatura “Tr”, o punto di rugiada, è del 100%.

Per esempio, l’aria che contiene 23 g di acqua per m3 a 38°C può essere raffreddata a 25°C, temperatura alla quale sarà satura e appariranno i primi segni di condensazione.

Più alto è il contenuto di vapore acqueo o maggiore è il calo di temperatura, maggiore è il rischio di condensazione.

Esempio: ad una temperatura di 35ºC, 1 m3 di aria contiene:

  • 7,88 g di vapore acqueo al 20 % RH
  • 19,8 g di vapore acqueo al 50 % RH
  • 29,5 g di vapore acqueo al 75 % RH

Con queste quantità di vapore acqueo, la condensa si forma se la temperatura scende sotto lo zero:

  • 7ºC per un peso di vapore acqueo di 7,88 g (caduta di 28ºC)
  • 23ºC per un peso di vapore acqueo di 19,8 g (calo di 12ºC)
  • 30ºC per un peso di vapore acqueo di 20,5 g (calo di 5ºC)

AGENTI DISIDRATANTI.

I disidratatori sono prodotti che, se utilizzati in determinate condizioni, assorbono il vapore acqueo in eccesso bloccato all’interno dell’imballaggio.

I disidratatori devono soddisfare i seguenti standard:

  • NF H 00320 Standard francese
  • MIL D 3464 American Standard
  • Standard tedesco DIN 55473

UNITÀ DI DISIDRATAZIONE.

L’unità di disidratazione francese, DU è la quantità di disidratante capace di assorbire alla temperatura di 20 ± 3°C, una delle seguenti umidità:

  • 100 g di vapore acqueo con un’umidità relativa del 40%.
  • 80 g di vapore acqueo con un’umidità relativa del 30%.
  • 60 g di vapore acqueo con un’umidità relativa del 20%.

L’unità di disidratazione francese (1 DU) è leggermente superiore a 16 unità americane (MIL D 3464) e a 16 unità tedesche (DIN 55733).

TABELLA CLIMA

In questa tabella I, la temperatura ambiente secca è specificata nella colonna di sinistra. Nella parte superiore, la % di umidità relativa è visualizzata in passi del 10%.

Per ogni temperatura e % RH, la quantità di acqua contenuta nell’aria in queste condizioni è data in gr di acqua/m3 nella tabella corrispondente.3 dell’aria (in alto) e la temperatura alla quale quell’aria diventa satura, raggiungendo così il punto di rugiada e la condensazione dell’acqua. Così, per esempio, per una temperatura secca di 25°C e un’UR del 50%, l’aria contiene 11,52 grammi di acqua/m³ e la temperatura alla quale quest’acqua si condenserebbe sarebbe di 14°C, cioè se la temperatura scende di 11 gradi, potrebbe iniziare la condensazione. D’altra parte, se l’UR fosse dell’80%, l’aria conterrebbe 18,43 grammi di acqua per m³, e quest’acqua condenserebbe a 21ºC, cioè solo un calo di temperatura di 4ºC causerebbe l’inizio della condensazione.Sapendo questo, è necessario controllare la temperatura e l’umidità nelle cantine e nell’imballaggio dei contenitori, al fine di conoscere le condizioni disponibili, e quindi mettere i mezzi per evitare la condensazione sui contenitori e i problemi di corrosione, che causano scarti nel mercato, e quindi notevoli perdite economiche.

Anuncios

Al giorno d’oggi, ci sono apparecchiature che misurano la temperatura e l’umidità continuamente o a certi intervalli di tempo, e molte di esse forniscono un software che indica il rischio di condensazione dell’umidità (o punto di rugiada), rendendo relativamente facile il controllo di questo tipo di problema nei magazzini.

DATALOGGER

Al giorno d’oggi, sono disponibili apparecchiature di misurazione continua di UR e temperatura, con download da computer, che, per meno di 100 euro, memorizzano queste informazioni per diversi mesi a seconda della frequenza di misurazione impostata, e che, in molti casi, hanno anche un software che permette l’analisi dei dati e la valutazione del rischio di condensazione dovuto al punto di rugiada.

José Fco. Pérez Gómez

Consulente Mundolatas

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.