IMBALLAGGIO PER SALSICCE | PRODOTTO

Información Técnica

CONFRONTO TRA IMBALLAGGI DA 2 E 3 PEZZI

INTRODUZIONE

In diverse occasioni ci è stata posta la domanda: Quali sono i vantaggi o gli svantaggi dell’utilizzo di contenitori imbutiti rispetto ai classici contenitori “3 pezzi”? O quale è preferibile usare un imballaggio a 2 pezzi o a 3 pezzi? La risposta non è semplice, perché molte considerazioni entrano in gioco, e può essere affrontata da diverse prospettive:

Anuncios

– Dal punto di vista del produttore di imballaggi o dell’utente.

– Dal punto di vista dell’economia o della qualità.

– Dal suo aspetto – o presentazione – alla sua maneggevolezza.

– Dalla sua semplicità o dalla sua complessità nella sua fabbricazione

E così potremmo aggiungere altri angoli di visione diversi. In questo articolo cercheremo di dare alcune risposte a queste domande.

CAMPO DI APPLICAZIONE

Prima di tutto, dobbiamo cercare di delimitare il campo di applicazione al quale ci circoscriveremo. Gli approcci possono essere molto diversi. Naturalmente, il campo di applicazione deve essere definito dalla destinazione finale del contenitore. In linea di principio, si possono considerare tre aree principali di utilizzo degli imballaggi:

Bevande: è molto chiaro che in questo settore, il tipo di imballaggio che è la maggioranza del mercato è il “2 pezzi” con tecnologia DWI. L’uso di altri tipi di imballaggio è puramente testimoniale, quindi non è necessario considerare quale tipo di imballaggio è ideale, il mercato ha già deciso.

IndustrialePer le sue caratteristiche di gamma molto ampia di usi, formati, tipi di chiusure, accessori, ecc. e anche il suo consumo in piccole produzioni, è un fatto che il tipo di imballaggio che si richiede è il “3 pezzi”, dato che le sue linee di fabbricazione a bassa velocità sono versatili, semplici ed efficaci. Quindi anche qui non c’è spazio per la discussione.

Cibo e bevandeÈ nell’imballaggio per le classiche conserve di tutti i tipi: verdure, carne, pesce…, dove sorge il dubbio di definire in ogni caso quale sia l’imballaggio ideale, perché il mercato offre diverse soluzioni che possono avere vantaggi e svantaggi in tutto il processo, cioè dalla progettazione dell’imballaggio alla sua distruzione finale. Pertanto, questo lavoro si concentrerà solo sull’imballaggio utilizzato in questo campo.

IMBALLAGGIO ALIMENTARE

I tipi fondamentali di contenitori che possono essere utilizzati per contenere il cibo sono in realtà tre:

1º.-Il classico “3 pezzi” nelle sue diverse versioni di saldatura della cucitura laterale del corpo, e dotato di coperchi facili da aprire o meno.

2º.- I “2 pezzi” di tecnologia semplice, cioè quelli ottenuti per semplice disegno. In generale, comprendono tutti quelli la cui altezza è inferiore alla metà del loro diametro.

3º.- Gli alti “2 pezzi”, ottenuti per disegno successivo, che richiedono una tecnologia più complessa. Si chiamano “DRD”.

Non descriveremo i sistemi di fabbricazione di ognuno di loro perché non è l’argomento di questo lavoro. Su questo sito, ci sono diversi articoli su di esso, per esempio:

Anuncios

Imballaggio DRD in due pezzi

QUALITÀ DEI DIVERSI TIPI DI IMBALLAGGIO

Cercheremo di elencare alcune delle qualità di questi tre gruppi di imballaggi. Elencheremo ognuno di loro, e determineremo a quale livello lo hanno questi tipi di barche. Per farlo, prenderemo prima la parte del produttore e poi quella dell’imballatore o dell’utente. Un altro aspetto è l’interesse del consumatore, che deve prevalere su quello del produttore di imballaggi e anche su quello dell’imballatore, ma questi interessi coincidono in gran parte con quelli di entrambi.

FABBRICANTE:

Secondo il nostro punto di vista le qualità da prendere in considerazione, pensando come produttore, sono:

Uso di materiali alternativi: Quelli che richiedono una qualità più semplice della materia prima di base – il metallo – sono i contenitori “3 pezzi”, perché in essi il materiale soffre meno deformazioni e sforzi, ma hanno il limite di non poter utilizzare per il corpo saldato elettricamente – che è la tecnica abituale -, materiali di rivestimento di stagno molto basso (LTP), cromato (TFS) o alluminio, che è importante. Questo non è il caso dei contenitori imbutiti, anche se richiedono una qualità di acciaio di base più specifica. Pertanto, consideriamo che in questa sezione, i contenitori imbutiti hanno un certo vantaggio perché accettano una gamma più ampia di metalli.

Facilità di progettazione della decorazione: L’imballaggio “3 pezzi” è litografato in piano e a fogli interi, con una tecnica convenzionale, il che lo rende più semplice ed economico. I “2 pezzi bassi” usano la stessa procedura, ma il disegno della litografia diventa più complicato, poiché è necessario compensare le deformazioni del disegno, e anche le aree in cui i testi o le immagini possono essere collocati con linee rette sono limitate. La complessità è ancora maggiore nel caso di DRD, poiché richiede la stampa pacchetto per pacchetto. In effetti, la stampa su metallo è raramente usata su quest’ultimo tipo di lattine, e l’etichettatura su carta è il metodo preferito.

In breve, in questa sezione, i pacchetti “3 pezzi” sono in vantaggio.

Litografia a superficie totale: i tipi “3 pezzi” devono riservare un’area senza litografia per la saldatura laterale del corpo. Gli altri due tipi possono essere stampati nella loro interezza, anche se i DRD sul finito possono.

Livello di qualità: grazie alla tecnica di fabbricazione, la qualità ottenuta nelle confezioni farcite è più uniforme e presenta meno rischi di parametri fuori controllo.

Anuncios

Assenza di perdite attraverso la cucitura laterale: grazie all’eliminazione della cucitura laterale nel corpo dei contenitori imbutiti:

– Il rischio di perdite nel contenitore o di contaminazione microbiologica del suo contenuto per microperdite è ridotto.

– L’operazione di chiusura del coperchio è facilitata dall’eliminazione del doppio spessore nella zona di cucitura, il che permette di aumentare la velocità di lavoro.

Assenza di perdite nelle chiusure: nei contenitori imbutiti, eliminando la chiusura inferiore, il rischio di perdite si riduce del 50%, il che è implicito in questo concetto:

– Ridurre il rischio di contaminazione microbiologica rimuovendo il sigillo.

– Semplifica la produzione eliminando un’operazione

Riciclaggio: I contenitori “3 pezzi”, poiché devono essere fatti di banda stagnata – almeno il corpo – hanno dei vantaggi nel riciclaggio. Possono essere separati da un sistema magnetico e in seguito recuperare lo stagno. Le salsicce di alluminio non sono così facili da riciclare.

Semplicità tecnologica: il modo più semplice di fabbricare un contenitore è il metodo di imbutitura semplice, mentre il modo più complesso è quello di usare il metodo di imbutitura-re-imbutitura. (DRD), a causa dell’alta tecnologia degli utensili e delle attrezzature da utilizzare. I mezzi utilizzati per produrre i “3 pezzi” si muovono in una gamma molto ampia di tecniche, ma in generale non sono molto contorti.

Disponibilità di attrezzature sul mercato: Per età di mercato, ci sono molti produttori di attrezzature per la tecnologia di “3 pezzi” e bassa salsiccia – presse -. D’altra parte, è scarso per il DRD.

Economia nel costo dell’investimento: l’investimento più economico è sempre quello necessario per il confezionamento di salsicce basse, bastano le presse adatte e la loro attrezzatura. Per DRD, invece, le attrezzature sono molto costose, ancora di più se si includono i sistemi di verniciatura e di stampa. Le linee d’imballaggio “3p” variano molto nel prezzo a seconda delle loro velocità e dell’origine delle macchine, di queste ultime è possibile trovare attrezzature sul mercato dell’usato.

Flessibilità delle installazioni: Le più flessibili, senza dubbio, sono le linee per “3 pezzi”. I sistemi a bassa salsiccia e soprattutto i sistemi DRD sono spesso molto difficili da convertire.

Incidenza sul costo dell’imballaggio: Il miglior uso della materia prima di base – il metallo – si ottiene generalmente con imballaggi imbutiti e DRD, grazie all’allungamento che subisce e che facilita la formazione delle pareti dello stesso. L’eliminazione della cucitura laterale e della chiusura inferiore permette anche di risparmiare. Questo compensa il possibile aumento della rifilatura del metallo, che è maggiore nel caso di contenitori rotondi.

Anuncios

Abbiamo riflesso in una tabella le qualità dettagliate sopra, assegnando un punteggio in ogni caso, dando un valore da 1 a 3, con i seguenti criteri:

3 = Qualità in alto valore

2 = Qualità in valore medio

1= Qualità a basso valore

I concetti che secondo noi sono più rilevanti sono indicati in grassetto. Alla fine i punteggi vengono sommati con due criteri: tutti e solo quelli più rilevanti.

Come conclusione per un produttore di lattine, si può vedere che per un dato formato, supponendo che sia possibile farlo per mezzo di due tecnologie diverse, – tenendo presente che non è possibile confrontare quella usata per i contenitori a basso riempimento con quella usata per i DRD, poiché una esclude l’altra -, possiamo riassumere:

– Tra “3 pezzi” e salsiccia bassa: è più interessante usare la confezione della salsiccia.

– Tra “3 pezzi” e DRD: è più interessante usare DRD, ma le differenze sono minori.

Non bisogna dimenticare che ci sono formati di imballaggio in cui non è possibile applicare la tecnica dell’imbutitura in nessuno dei due modi, quindi l’uso di installazioni in “3 pezzi” avrà sempre un mercato.

IMBALLAGGIO

D’altra parte, dal punto di vista dell’imballatore le qualità da considerare sono:

Produttori sul mercato: è nell’interesse dell’imballatore che ci siano più produttori sul mercato e meglio è, perché maggiore è il numero di produttori, maggiore è la concorrenza nella qualità e nel prezzo, garantendo migliori livelli di prestazione. Da questo punto di vista, il maggior numero di produttori è nel caso delle confezioni basse da 3 e 2 pezzi. Pochi forniscono al mercato i contenitori DRD

Gamma di formati disponibili: Il catalogo più ampio di formati è presentato nel campo dei “3 pezzi”, c’è una varietà di formati dove si può scegliere quello che meglio si adatta alle esigenze del prodotto da confezionare. Le salsicce basse riducono la loro gamma a causa della loro altezza limitata, e le salsicce DRD a causa della flessibilità minima dei loro impianti di produzione.

In relazione alle sezioni: Litografia totale della superficie, Livello di qualità, Assenza di perdite attraverso le cuciture laterali, Assenza di perdite nelle chiusure e Riciclaggio, ci riferiamo a quanto detto sopra, quando abbiamo trattato la questione dal punto di vista del produttore dell’ imballaggio. Questi vantaggi sono gli stessi per entrambi.

Anuncios

Comodità di apertura: Un inconveniente che presentano i contenitori bassi imbottiti, rispetto agli altri due campi, è una certa difficoltà a tenerli ben fissati con una mano, mentre con l’altra si procede all’apertura. Questo è particolarmente vero se sono dotati di coperchi facili da aprire. La causa è la loro bassa altezza, che non permette alla mano di afferrarli saldamente.

Con gli stessi criteri del caso del “Fabbricante”, presentiamo qui di seguito per il “Confezionatore”, una tabella riassuntiva delle qualità segnate

La conclusione è che i tre gruppi di confezioni sono molto simili, con una differenza molto piccola verso le confezioni a basso contenuto di grassi.

Come sintesi, vediamo che nel complesso non c’è una situazione chiara in cui un tipo di imballaggio è preferibile agli altri, anche se ci sono fattori in cui uno si distingue chiaramente dagli altri. A seconda delle peculiarità di ogni individuo, spetta a ciascuno decidere quale tipo di imballaggio si adatta meglio alle sue esigenze.

Per quanto riguarda il consumatore finale, di solito succede che rileva meglio le carenze dell’imballaggio che i suoi vantaggi, e finché non gli causa problemi, a priori non ne sceglie nessuno in particolare, anche se può essere influenzato dalla sua presentazione.

Torna a Prodotto Mondo Lattine

0 Comments

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.