Thyssenkrupp Steel, produttore tedesco di acciaio per imballaggi di alta qualità e precisione, si unisce al gruppo di aziende che sviluppano azioni sostenibili che rallentano il cambiamento climatico. Entro il 2030, l’azienda tedesca mira a ridurre le emissioni di anidride carbonica (CO2) nella produzione di acciaio del 30%.

Entro il 2050 produrrebbe esclusivamente “acciaio verde”. Sono previste diverse azioni:

Evitare la CO2 usando l’idrogeno (Carbon Direct Avoidance) e trasformare la CO2 in prodotti chimici di valore (Carbon Capture and Utilization). Questo acciaio neutro per il clima non sarà usato solo nelle automobili e nei macchinari, ma farà anche parte di un nuovo acciaio per imballaggi ecologici. “Con l’acciaio da imballaggio neutro per il clima, abbiamo intenzione di offrire un prodotto innovativo per un futuro sostenibile, sempre con la massima qualità. In questo modo, diamo ai nostri clienti l’opportunità di distinguersi ancora di più dai loro concorrenti agli occhi dei consumatori con un imballaggio fatto di materiale di prima qualità neutrale per il clima. Allo stesso tempo, vogliamo creare un precedente per l’industria e aprire la strada a un imballaggio neutrale per il clima con soluzioni innovative”, ha detto Peter Biele, CEO di Thyssenkrupp Rasselstein GmbH.

L’IDROGENO AL POSTO DEL CARBONE LA PRODUZIONE DI ACCIAIO IN VERDE È stato nel 2018 che Thyssenkrupp Steel ha iniziato la trasformazione verso la futura produzione di acciaio a impatto climatico zero. Si persegue un approccio ibrido: evitare e allo stesso tempo utilizzare la CO2.

Anuncios

Secondo un comunicato stampa del produttore tedesco di acciaio, per evitare questo, “si possono installare sistemi di abbattimento diretto con unità di fusione che funzionano con idrogeno ecologico al posto del carbone e ridurranno considerevolmente le emissioni di CO2. Contemporaneamente, Thyssenkrupp Steel utilizzerà la tecnologia Carbon2Chem® sviluppata in collaborazione con i suoi partner. Questa tecnologia permette di catturare le emissioni di CO2 e trasformarle in prodotti chimici di base, preziosi per l’industria chimica, come il metanolo e l’ammoniaca.

C’è una crescente domanda di prodotti che sono rispettosi dell’ambiente. Biele afferma quindi che l’acciaio per imballaggi verdi è di particolare interesse per i suoi clienti, poiché sempre più consumatori europei optano per imballaggi riciclabili ed ecologici e sono disposti a pagare di più per un imballaggio se questo offre un migliore equilibrio ecologico. “In termini di riciclabilità, la banda stagnata è già imbattibile, il materiale può essere riutilizzato quasi all’infinito. La banda stagnata è un materiale permanente in un ciclo chiuso.

L’acciaio da imballaggio è facile da recuperare grazie alle sue qualità magnetiche, e da riutilizzare come materiale da imballaggio. È riciclabile quasi al cento per cento, quasi all’infinito e in molti casi senza sotto-riciclare, cioè senza ridurre la sua qualità”.

Thyssenkrupp Rasselstein GmbH è uno dei principali produttori mondiali di acciaio per imballaggi di alta qualità e precisione. Nella sua sede di Andernach, in Germania, il più grande sito di produzione al mondo nel suo genere, vengono prodotte annualmente circa 1,5 milioni di tonnellate di acciaio da imballaggio. “I nostri 2.400 dipendenti servono circa 400 clienti in una moltitudine di mercati in 80 paesi, dai produttori di lattine per alimenti e mangimi, attraverso i produttori di lattine per bevande o aerosol, o contenitori per prodotti chimici tecnici di imballaggio, fino ai tappi a corona e a vite.”

Abrir chat